Chi siamo

 

rosettaRosetta Borchia

Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Urbino, ha lavorato presso l’Amministrazione Comunale di Urbino, nella veste di responsabile Assessorato cultura. Intraprende, successivamente, la carriera di pittrice iperrealista del paesaggio urbinate. Per seguire, inoltre, la sua passione per la botanica, nel 1989 inizia una ricerca nel territorio del Montefeltro per il recupero di antiche rose, alcune delle quali in pericolo di estinzione. Crea un’associazione e organizza due convegni internazionali. Il progetto, ancora in itinere, ha visto il recupero di centinaia di rose messe a dimora su una collina proprio di fronte a Urbino: Il giardino delle rose perdute. Nel 2007 fotografando la valle del Metauro, riconosce la collina che sta alle spalle di Federico da Montefeltro nel Dittico dei Duchi di Piero della Francesca. La scoperta ha un riscontro nazionale e viene accolta nelle pagine de La Repubblica. Inizia qui, insieme a Olivia Nesci l’avventura di due cacciatrici di paesaggi. Pubblica tre libri sull’argomento di cui l’ultimo sul paesaggio della Gioconda.

Rosetta Borchia holds a degree from the Academy of Fine Arts of Urbino and is a painter and a photographer of the landscapes of Montefeltro. She is also a keen naturalist and a hunter of ancient roses and rare wildflowers, as well as a garden designer. In 2006, after taking some pictures of the Metauro Valley, she discovered that she had captured the same hill that Piero della Francesca had painted right below Federico da Montefeltro’s chin in the Diptych of the Dukes of Urbino. Since then, she has embarked on a new and exciting adventure in search of other backgrounds in Renaissance paintings. She has published three books about this subject.

 

 

Olivia Nesci

Laureata in Scienze Geologiche nel 1977, è in servizio presso il Dipartimento di Scienze della Terra, della Vita e dell’Ambiente dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” dal 1983 come ricercatrice e dal 2003 come Professore Associato. L’attività scientifica, testimoniata da 130 pubblicazioni nazionali ed internazionali e da numerose presentazioni a convegno, si è svolta nei campi della Geomorfologia e Geologia del Quaternario. I lavori più noti al mondo scientifico internazionale riguardano la genesi e l’ evoluzione del paesaggio fisico dell’Appennino centro-settentrionale e della costa adriatica e le ricerche di geomorfologia culturale. Nel 2006 inizia la collaborazione con l’artista Rosetta Borchia sul ritrovamento dei paesaggi che fanno da sfondo a grandi opere rinascimentali. Pubblica su questo argomento The Invisible Landscape. A fascinating hunt for the real landscapes of Piero della Francesca among Montefeltro hills. Il Lavoro Editoriale e Codice P. Atlante illustrato del reale paesaggio della Gioconda, Mondadori Electa.

Graduated in Geology in 1977, she is employed by the Department of Earth, Life and Environment Sciences at the University of Urbino “Carlo Bo” as researcher (1983) and then Associate Professor (2003). The scientific activity, documented by 130 national and international publications and numerous presentations at the conference, was held in the fields of Geomorphology and Quaternary Geology. The best-known works to the international scientific community concern the genesis and the evolution of the physical landscape of the central-northern Italy and the Adriatic coast, and research in cultural geomorphology. In 2006 she began a collaboration with the artist Rosetta Borchia on the discovery of the landscapes that form the backdrop to the great works of the Renaissance. On this topic she publishes The Invisible Landscape. A fascinating hunt for the real landscapes of Piero della Francesca’s Montefeltro Among hills and Codice P. Atlante illustrato del reale paesaggio della Gioconda, Mondadori Electa.